martedì, dicembre 29, 2015

la casa sconsiglia - irrational man

La casa Sconsiglia Irrational man
Mi costa una fatica notevole visto che si tratta di uno dei miei registi preferiti in assoluto, se non proprio il mio preferito in assoluto o, quanto meno, di sicuro è il regista che per primo mi ha fatto scoprire il cinema d'autore quando a 12/13 anni vidi per la prima volta prendi i soldi e scappa, e poi zelig, e poi banans e via via tutti gli altri.
Non è la prima volta che a Woody Allen un film non viene bene, ma stavolta proprio non mi è piaciuto quasi per niente questo irrational man, a partire dalla scelta di affidare il ruolo da protagonista proprio a Joaquine Phoenix. Ora, tralasciando il fatto che Joaquine Phoenix, a parer mio è uno degli attori più sopravvalutati degli ultimi anni (magari ne riparliamo), la cosa che proprio non mi va a genio è quella di aver scelto per un ruolo da disatattato, psicotico, asociae e autodistruttivo, un attore che in pratica ha fatto sempre e solo questo tipo di personaggio, perfino quando ha interpretato il ruolo di un imperatore romano è riuscto a portare alla luce solo gli aspetti da psicolabile.
Sdoganato l'argomento attore, è comunque la storia nel suo complesso ad essere debole, poco originale e pure piuttosto scontata nella trama, e neppure il finale, diciamo, a sorpresa riesce a risollevare il costrutto narrativo dal disastro quasi totale.
Nemmeno Emma Stone, musa del momento del regista, riesce a spiccare nei panni di un personaggio con nevrosi troppo simili (quasi macchiettistiche) a quella classiche di Woody Allen.
É un vero peccato star qui a parlar male dei "santi" ma di tanto in quando capita pure di doverlo fare, sperando resti un episodio isolato, nel frattempo la casa Sconsiglia la visione di Irrational man.

Nessun commento: