martedì, gennaio 13, 2015

spot c4 picasso


Non so se avete visto il nuovo spot della Citroen c4 picasso, monovolume di gran successo della casa automobilistica francese, fa vedere le immagini di un padre che ogni cosa che porva a fare nel suo tempo libero la fa portandosi addosso i suoi figli, ed essendo quindi sempre in difficoltà, con la morale finale che, se pur a volte è molto difficile essere padre in alcune circostanze non lo è tanto, nella fattispecie girare in macchina è facile perchè il monovolume ha tutto quel che è ottimale per una famiglia numerosa. L'idea è molto carina e molto ben realizzata, la sola cosa che un pizzico da fastidio è la solita e costante distanza abissale tra i personaggi rappresentati nelle pubblicità e quelli nella vita reale, perchè, nella realtà un essere umano medio che ha tre figli piccoli di solito non si può permetter un'auto nuova, figuriamoci una che supera i 20.000€. un uomo medio con tre figli piccoli in pratica non ha mai tempo per se stesso, e allora passi la partita a calcetto rappresentata nello spot, ma dubito fortemente che oltre al calcetto possa fare lezioni di yoga, partite a sqash (che dove cacchio saranno sti campi da squash in italia poi...) e fotografia avifaunistica nella quale ci vogliono ore di appostamenti, con un'attrezzatura (come quella che ha in mano nello spot) che come minimo costa tra i 5 ed i 6000€. Ed anche quando hai la monovolume non è che con i tuoi 3 figli vai a fare una passeggiata in quale sperduto passo appenninico tra il verde incontaminato e l'aria rarefatta, il 99% delle volte parcheggi in doppia fila fuori scuola e poi giri a portare uno a calcetto, una a danza, e uno alla festa di un amichetto.
Alla fine negli spot anche lo stress diventa una cosa invidiabile.

Nessun commento: