martedì, aprile 09, 2013

margaret tacher

La morte rende tutti sostanzialmente ipocriti, ora finisce che la tacher era la più grande statista europea (nonostante zero riforme all'attivo). Io la ricordo come un leader politico per niente disposto al dialogo, per niente riformista, amica dei dittatori (es. pinochet), molto militarista e sostanzialmente tendente al fascista.... ma suvvia si sa dei morti si posson fare solo elogi... viva l'ipocrisia.

p.s. chiamò i minatori che scioperavano terroristi. e per lei anche Mandela era un terrorista.


5 commenti:

Bambarrà ha detto...

"Vi dispiace se non scrivo coccodrilli per la Tatcher? No, perché a me stava caldamente sui cabasisi."
Pubblicato sul mio profilo fb. E chissene se era una donna, la solidarietà femminile in questo caso non ci sta per niente. Era stronza quanto un uomo stronzo.

Sara ha detto...

D'accordissimo!

Federica ha detto...

io son troppo giovane per aver ricordi "suoi" ma quello che ho studiato me la fa apparire come una persona che non avrei amato.

il rispetto per i morti ci va sempre per tutti. La beatificazione quella no.

nonno enio ha detto...

ha rilanciato un'economia, quella inglese, alla disperazione e ha chiuso delle miniere di carbone inproduttive: ha avuto coraggio e grazie a lei se oggi si possono fregiare del titolo di seconda potenza europea.

gds75 ha detto...

effettivamente la "beatificazione" è stata solo televisiva, la rete l'ha effettivamente massacrata.

@nonno però le riforme economiche sono state attuate attraverso una politica militare. Le miniere le ha chiuse facendo massacrare di botte i minatori dalla polizia. Per non parlare delle malvinas. Secondo me oggi l'inghilterra deve ringraziare principalmente gli Inglesi che hanno saputo riprendersi.