martedì, settembre 18, 2012

Aiazzone again

Negli anni 80 uno dei miti delle tv geolocal è stato senza dubbi il mobilificio AIAZZONE che attraverso il suo front man Guido Angeli ed il suo slogan (simpatico ed accattivante) "provare per credere" riuscì ad avere una notorietà di livello nazionale e ad aprire in poco tempo un considerevole numero di punti vendita in tutta Italia.
Poi come a volte capità alle aziende, questa azienda fallì ed il marchio finì pian piano per finire nel dimenticatoio, finche nel 2008 non fu rilevato da una holdig creata dai signori BORSANO (ex presidente del torino calcio) SEMERARO (che non è l'ex presidente del lecce caclio) e GALLO. freschi freschi del fallimento delle loro società "per sempre" e "emmelunga".
Nonostante il fresco fallimento, con relativo buco economico, tutti i per sempre e gli emmelunga diventano aiazzone. Ma qui scatta il vero capolavoro criminale. Attraverso una serie di scatole cinesi e di spostamenti di società da una mano all'altra degli stessi proprietari e con una serie di vere e proprie frodi questi signori riesco a far fallire di nuovo questo marchio.
Le iene hanno trattato, per primi e più volte, l'argomento, e qualche loro inviato ha rischiato anche di prenderle solo per fare le domande. Basta vedere i loro servizi ed informarsi un po per capire quanto non ci sia niente di casuale in questo crack. Affitti non pagati, produttori di mobili non pagati, mobili venduti e mai consegnati, dipendenti non pagati, servizi esterni (pulizie, consegna merci) non pagati, totale assenza di versamenti fiscali.... alla fine della fiera un buco che sfiora il miliardo di euro..... se ci pensate, per quanto non si tratti di una grande azienza una cifra così alta è quasi impensabile.
Quindi uno penserà che i tre signori siano in galera da un po... ed invece per le celle ci sono solo passati, e nonostante i danni, morali ancor più che materiali, che hanno prodotto non pagano in prima persona, e questa già mi sembra una cosa gravissima.
Ma la cosa diventa assurda, e sarebbe ridicola se non fosse drammatica, è che al posto degli AIAZZONE in questo giorno stanno spuntando dei "nuovi" negozi di arredamento che si chiamano SEMERARO... indovinate un po chi sono i titolari??????
Non so come sia possibile, in questo paese, non solo non riuscire ad impedire ai criminali di delinquere, ma come si possa tranquillamente lasciargli mano libera come se nulla fosse successo..... ci rivediamo al prossimo fallimento, sperando che stavolta qualcuno alla fine faccia danni seriamente!!!

2 commenti:

nonno enio ha detto...

cìera una canzone di Venditti " in questo mondo di ladri" che disegna egregiamente l'Italia di oggi... guarda cosa sta succedendo nella regione Lazio.Ormai si fa a chi ruba di più e la fa franca.

gds75 ha detto...

@nonno enio farla franca è un'esagerazione, siamo al punto che sta gente qua non rischia nemmeno... è assurdo!!!