lunedì, gennaio 12, 2009

gomorra il film

Quando un libro è bello si dice sempre che il film che ne viene tratto non potrà mai essere bello tanto quanto il libro.
Ebbene Gomorra non fa eccezione, anzi....
Va detto che la mano talentosa di Matteo Garrone si vede e anche l'incredibile talento di Toni Servillo spicca ogni volta che esce ad illuminare la scena, ma questi sforzi sono pressoché inutili, perchè il film è ben poca cosa rispetto alla complessità e alla consapevolezza che il libro riesce a trasmettere.
Ad essere onesto, mentre leggevo il libro (letto dopo l'uscita del film) alla fine di ogni capitolo mi sono sempre chiesto come è stato possibile farne un film, alla fine dopo aver visto il film scopri che le storie raccontate nel film sono storie di contorno nel libro che servono solo a far capire determinate situazioni ben più complesse, ad esempio l'omicidio della donna di secondigliano che aveva il solo torto di avere un marito in galera schierato con una fazione e il figlio schieratosi con gli scissionisti è solo un esempio nel capitolo che in circa 100 pagine prova a spiegare la guerra intestina nella camorra ed il fenomeno dei cosiddetti scissionisti.
Alla fine non mi sento di sconsigliarvi il film, ma (specialmente se non si è di Napoli) leggere il libro da tutta un altra consapevolezza e fa crescere tutta un altra rabbia.
Gomorra il film?
rimandato a settembre.

Nessun commento: