martedì, maggio 20, 2008

che munnezza.... di informazione


Il problema della spazzatura a Napoli è quello che è, e di certo non arrivo per primo a parlarne, ne tantomeno penso di poter essere uno capace di mettere una parola indiscutibile sulla questione.
Il problema, è complesso e non poco, a differenza di quello che continuano a dire "l'emergenza rifiuti" ha radici molto più antiche degli ultimi 15 anni nei quali un po tutti si accusano vicendevolmente, e soprattutto ha come principale motore la camorra che purtroppo non è un interlocutore con il quale si può discutere della situazione, ne tanto meno ci si può aspettare da parte loro una redenzione per quel che hanno fatto, o un risarcimento per tutto il male hanno fatto alla propria terra anche oltre al fatto di averla trasformata nella discarica abusiva d'italia.
Basti pensare che un giornalista come Saviano che ha raccontato solo una parte delle vicende malavitose della camorra casalese, dall'uscita del libro debba vivere sotto scorta.
E finisco qui con la parte retorica della discussione.
Si perchè la retorica popolare vuole anche che il napoletano per un'alchimia genetica sia il popolo del
"chi avuto avuto avuto, chi a dato a dato a dato, scudrammoce o passato...."
modo di dire che trae origine dalla storica pazienza e tolleranza dei napoletani che a volte diventa sopportazione e a volte addirittura rassegnazione di dover vivere situazioni quantomeno particolari, ora che di fronte a scene come queste

che da un anno a questa parte ormai fanno parte integrante del paesaggio urbano, specialmente in provincia, i napoletani abbiano esauriti la pazienza, la tolleranza, la sopportazione e persino la rassegnazione è lecito che si facciano proteste e gesti eclatanti.
Ed è anche comprensibile che ci sia chi, nella sua ignoranza, pensi di risolvere tutto dando fuoco alla spazzatura per eliminarla dalle strade, senza magari sapere che in questo modo aggiunge danno al danno.
Andrebbe anche detto, per amore della verità, che di sicuro c'è chi, oltre alla criminalità organizzata, sta approfittando del momento di confusione generale per potersi liberare dei propri problemi aggiungendo un carico di problemi da risolvere alla comunità, si perchè mi è capitato di passare per strade secondarie in provincia, che sono diventate man mano discariche per chi ha pensato bene di spostare il problema da sotto ai propri occhi sperando che li risolva qualcuno, e di vedere cose assurde, perchè ho difficoltà a pensare che nella spazzatura che si accumula nel secchio di casa si possano trovare facilmente materassi a due piazze, frigoriferi e soprattutto un mare di pneumatici usati
Quindi è facile capire che ci sono piccoli "imprenditori" che stanno sfruttando il momento di confusione per liberarsi di rifiuti per i quali avrebbero dovuto pagare uno smaltimento particolare.
Ma torniamo all'informazione, perchè in questi giorni sui tg regionali, e su tutte le tv locali, e anche su quelle nazionali, quando si affronta questo argomento si sentono cose che proprio non possono far innervosire.
Quando parla un giornalista, un opinionista o un politico di sinistra, subito dice che queste ultime proteste sono veicolate e strumentalizzate dalla destra che ha già cominciato la campagna elettorale per la regione e la provincia.
Quando parla un giornalista, un opinionista o un politico di destra, subito dice che queste ultime proteste sono veicolate e strumentalizzate dalla sinistra per mettere in difficoltà berlusconi che deve fare il primo consiglio dei ministri a napoli e per impedirgli di trovare una soluzione da lui promessa, perchè si deve considerare che la situazione è difficile e che nessuno ha la bacchetta magica.
Ma nessuno ha capito che forse ormai ci si è solo rotti il cazzo di questa situazione???
Soprattutto nessuno a capito che in questo ping pong mediatico chi ci guadagna è ancora una volta la malavita che ancora una volta gode e guadagna su un problema che pare che nessuno risolverà a breve....
per fortuna l'ironia ci aiuta sempre

2 commenti:

stellastale ha detto...

nessuno HA capito.... che fai gds? mi sbagli gli ausiliari???? pardon per la sindrome da maestrina... ma serve forse a me per distrarmi. sai che penso di fronte agli striscioni comparsi oggi nella nostra napoli con la scritta BERLUSCONI SANTO SUBITO, con la premessa... se elimina rifiuti e criminalità....? che magari fosse vero... magari... io credo che dopo aver cavalcato così violentemente l'emergenza rifiuti in campagna elettorale e in questo primissimo scorcio di esperienza di governo, anche il berlusca scivolerà sulla nostra munnezza e farà un tonfo clamoroso. col culo a terra.... insomma finisce di caderci anche lui.
se dopo 6 mesi da tutti questi annunci assisteremo di nuovo alle scene che vediamo da 10 anni almeno- come mi fa ridere pensare che solo oggi sono tutti così allarmati i media nazionali- credo proprio che anche per il centrodestra non ci saranno applausi.
cmq gds... a volte penso che noi campani non siamo riusciti a incazzarci abbastanza e che è vero che siamo il popolo del chi ha avuto avuto avuto e chi ha dato dato dato.... quelli del dio po ce penz... quelli che a casa mia ci puoi mangiare per terra e che me ne fotte se fuori dalla porta ce sta nu colera... quelli che è sempre colpa degli altri mai mia.... un popolo di individualisti, chi rassegnato, chi disperato. fatto di gente che pensa innanzitutto a salvarsi il culo e solo in un quarto, quinto momento- quando va bene- considera il fatto che viviamo insieme ad altre persone.... siamo l'apoteosi del 'me ne fotto' travestita dall'ipocrisia dei buoni sentimenti da 'figli piezz e core'. non siamo indulgenti con noi stessi, non solo con chi ci governa. non servrebbe a molto

Giulianissima ha detto...

Pur occupandomi di ambiente e rifiuti ( a volte), non ho ancora ben capito cosa sta succedendo lì in Campania. Le notize sono confuse: il dato certo è che la situzione è intollerabile, ma per il resto (responsabilità, meccanismi, soluzioni)davvero c'è confusione. Il messaggio che arriva a noi telespettatori o lettori è che i campani stiano raccogliendo ciò che hanno sinora seminato, ovvero superficialità, corruzione, ignoranza. Ma mi rifiuto di uniformarmi a questo pressapocchismo e mi sforzo di capire cosa sta succedendo davvero. Io sono di Taranto, una città famosa soprattutto per le bancarotte del Comune, le truffe e gli imbrogli. Il tarantino dice "ce mme ne futte a mme", si lamenta ma non agisce. E la situazione degenera. E allora mi chiedo: e se da un certo punto di vista, i "nordici" fossero davvero meglio di noi? Se vado a Firenze da mia sorella tutto questo abbandono non lo vedo.