martedì, ottobre 31, 2006

come sentirsi vecchio....

Ovvero l'impenitente ostinazione di un trentunenne che non riesce a rassegnarsi a quello che dicono i documenti.
Giusto per farvi capire vi dico in cosa mi sono imbattuto la scorsa settimana.
Innanzitutto, facevo il turno di notte, e ciononostante mi sono dovuto svegliare prima un giorno per andare a comprare un regalo per la festa dei 18 anni dei "fratellini" del mio coinquilino, fratellini è virgolettato perchè sono due cristoni di più di un metro e ottatnta l'uno, che per me che sono chiamato Giovanni il corto è sempre una cosa particolare.
Ho fatto gli auguri alla mia cuginetta, che è sempre stata la bimba della famiglia essendo nata a 10 anni di differenza dal più piccolo di noi cugini che siamo cresciuti assieme, divcevo le fatto gli auguri per la sua ammissione all'università a numero chiuso.
auguri fatti anche al suo fidanzato, perchè è bene ricordare che la bimba di casa ha un fidanzato ufficiale da quasi 3 anni.
Sono andato a noleggiare un film, e siccome sono amico della ragazza che lavora nel videonoleggio ci vado sempre dieci minuti prima per fare anche due chiacchiere, ad un certo punto entra una ragazza, bella, ma bella veramente, al punto che non la noto solo io che sono un maschietto ma anche la mia amica.
alta mora, riccia (il mio debole) formosa e provocante.... tutti i presupposti per permettermi di fare il cretino, fino a che per farsi la tessera non caccia la sua carta d'identita che recita alla voce data di nascita 3 giungo 1989..... capirete da soli lo sconforto.
Poi sabato sera la festa dei 18 anni dei suddetti fratellini.
Ad una serata così capisci che la differenza di età è notevole quando:
  • i festeggiati hanno dei compagni di classe e non di lavoro
  • trovi i compagni di classe dei festeggiati vestiti in maniera ridicola
  • sei l'unico che apprezza la musica house che il dj tenta inutilmente di mettere (sono troppo giovani per capire)
  • sei l'unico che detesta i balli di gruppo latino americani che tutti ballano amorevolmente
  • sei circondato da un gruppo di ragazzini tifosi che il sono convinti che il giocatore più forte del mondo sia stato zidane solo perchè non hanno mai visto giocare Maradona
  • sei l'unico che ha visto giocare maradona
  • sei l'unico che si ricorda l'inter campione d'italia
  • trovi "carine" delle ragazze, ma pensi che non sia il caso
  • sei l'unico maschio che nota che non sono carine solo quelle più appariscenti
  • alcune ragazzine ti danno del lei
  • di alcuni argomenti puoi parlarne solo con i genitori dei festeggiati
  • sei circondato da persone per il quale il cocktail più forte è il gin lemon, mentre tu sei abituato ai 4 bianchi (che si chiamerà inferno bianco per un motivo)
  • sei l'unico che pensa a cosa fare dopo la festa
Sicuramente avrò dimenticato un mare di cose che mi hanno fatto sentire vecchio.
tutto quello detto per la festa va esteso anche al mio coinquilino con il quale ho solo 15 giorni di differenza.
insomma chiedo aiuto a voi poliedrica e molteplice popolazione di blog, devo preoccuparmi di tutte queste riflessioni o devo continuare ostinatamente a far finta di niente?

calendario da paura....

E' in vendita (?) il calendario dei cofani funebri, nelle quali foto ci sono due belle ragazze che si strusciano sulle casse da morto, e fanno strane allusioni con candelabri.... proprio a voler sfidare il rigror mortis.
che dire...... se ne sentiva il bisogno!!!!

venerdì, ottobre 27, 2006

E' arrivato natale.....

Nonostante sia solo ottobre è già arrivato natale.
Si se sei juventino o laziale per te oggi è festa, hai ricevuto sotto l'albero 8 punti.
Lo so cosa stai pensando, che tu vittima di mistificazioni giornalistiche e politiche, non hai avuto un vero regalo.
Mi sarei aspettato che la juve che aveva avuto 17 punti di penalizzazione avesse uno sconto di pena 20 punti, perchè poverini loro sono le vittime, manco che le telefonate di moggi ce le fossimo sognate.
Ma io mi rendo conto che i tifosi alla fine sono veramente vittime, ma non delle sentenze e non dei giudici e nemmeno della stampa, ma dei loro stessi presidenti (della valle in testa) che hanno fatto una vera e propria campagna populista, sfruttandoli come grimaldello per far apparire ai media che alla fine della fiera sarebbero stati solo loro, i tifosi veri, a pagare vedendo le loro squadre del cuore penalizzate.
Alla fine, grazie anche a quella persona odiosa di Cobolli Gigli (che ipotiziava un risarcimento danni della juve) i bianconeri sono stati capaci di fare una cosa che sembrava impossibile, ovvero FARSI SCHIFARE ANCORA DI PIU'!!!!
meno male che c'è Checco Zalone che ci ricorda che gli Gliuventini sono tutti eroi, ascoltare per capire......



La casa consiglia

L'uccello dalle piume di cristallo
di Dario Argento (1970)
Un film classico di quando non si facevano con gli effetti speciali, di quando il giallo e il thriller erano racchiusi nella stessa stroria.
Un film definito Horror nel quale c'è uno spietato assassino ma nel quale non si vede ammazzare nessuno.
Eppure la tensione è altissima e la trama tuttaltro che scontata.
Un film che il Dario Argento degli ultimi 10 anni (almeno) non sarebbe più in grado di fare.

giovedì, ottobre 26, 2006

Pausa caffè

Stasera in ufficio, durante il turno notturno.
Io al mio collega: "Che dici le 23.45 sono giuste per un caffè"
e lui "E' proprio l'ora ideale"
usciamo dall'ufficio e andiamo dal piano 9 a quello 8 dove c'è la macchinetta del caffè e trovo il distributore di bibite senza nemmeno una bottiglietta d'acua, quindi dico al mio collega "andiamo al quattordicesimo piano e vediamo se c'è l'acqua".
prendiamo l'ascensore che arrivato al piano 14 si blocca.
domanda quanti dipendenti ci sono a ridosso della mezzanotte in azienda?
risposta 2 io e il mio collega entrabi bloccati nell'ascensore.
Domanda a che ora l'unico vigilante del palazzo fa il giro di controllo per i piani?
esattamente intorno alla mezzanotte, e quindi nessuno sentiva il campanello d'allarme e nessuno poteva azionare il dispositivo di ritorno automatico al piano.
dopo 10 minuti di attesa proviamo a vedere quanto lontani stiamo dal piano e tentiamo di aprire le porte, basta un po di forza di due persone e le porte si aprono interamente, visto che l'ascensore si era bloccato a circa 2 centimetri dal raggiungimento del piano.
prendiamo il caffè prendiamo l'acqua e per scendere?
ovviamente l'ascensore.... un altro però!!!!!!

martedì, ottobre 24, 2006

Che fine ha fatto eolo?

La Mia amica Wilma (al secolo gaia), per intenderci l'amica che pochi giorni fa mi ha ospitato a Madrid, mi ha mandato una mail che racconta la strana, ma poi nemmeno tanto vicenda di eolo.
E' una vicenda che parla di potere e disinformazione.
Siccome il web, fino a prova contraria è ancora l'unico mezzo veramente libero per poter dire le cose mi è sembrato un mio dovere civico quello di riportare in questo modestissimo, e quasi sempre pieno di cazzate, spazio la storia così come l'ho letta io, sperando che il web sia la sveglia per le cosicenze dei media e che si cominci a conoscere questa e tutte le vicende come questa.

Se ci mettiamo tutti a farla girare ci vorra' poco a fargli un bel
casino...
L'auto ad aria è... volata via

Notizia del 28 febbraio 2006 - 14:49
L'auto ad aria è... volata via
Eolo, la vettura che avrebbe fatto a meno della benzina è stata fatta sparire. Perché?
VIVAMO IN UN MONDO DOVE CI VOGLIONO FAR CREDERE CHE IL PETROLIO E'
IMPORTANTE QUANTO L'ACQUA
QUESTA DEVE DAVVERO FARE IL GIRO DEL MONDO!
Guy Negre, ingegnere progettista di motori per Formula 1, che ha lavorato alla Williams per
diversi anni, nel 2001 presentava al Motorshow di Bologna una macchina rivoluzionaria: la
"Eolo" (questo il nome originario dato al modello), era una vettura con motore ad aria
compressa, costruita interamente in alluminio tubolare,fibra di canapa e resina,
leggerissima ed ultraresistente.
Capace di fare 100 Km con 0,77 euro, poteva raggiungere una velocità di110 Km/h e
funzionare per più di 10 ore consecutive nell'uso urbano.
Allo scarico usciva solo aria, ad una temperatura di circa -20°, che veniva utilizzata
d'estate per l'impianto di condizionamento.
Collegando Eolo ad una normale presa di corrente, nel giro di circa 6 ore il
compressore presente all'interno dell'auto riempiva le bombole di aria compressa,
che veniva utilizzata poi per il suo funzionamento.
Non essendoci camera di scoppio né sollecitazioni termiche o meccaniche la
manutenzione era praticamente nulla, paragonabile a quella di una bicicletta.
Il prezzo al pubblico doveva essere di circa 18 milioni delle vecchie lire, nel suo
allestimento più semplice.
Qualcuno l'ha mai vista in Tv?
Al Motorshow fece un grande scalpore, tanto che il sito www.eoloauto.it venne subissato di
richieste di prenotazione: chi vi scrive fu uno dei tanti a mettersi in lista d'attesa, lo
stabilimento era in costruzione, la produzione doveva partire all'inizio del 2002: si trattava di
pazientare ancora pochi mesi per essere finalmente liberi dalla schiavitù della benzina, dai
rincari continui, dalla puzza insopportabile, dalla sporcizia, dai costi di manutenzione, da
tutto un sistema interamente basato sull'autodistruzione di tutti per il profitto di pochi.
Insomma l'attesa era grande, tutto sembrava essere pronto, eppure stranamente da un
certo momento in poi non si hanno più notizie.
Il sito scompare, tanto che ancora oggi l'indirizzo www.eoloauto.it risulta essere in vendita.
Questa vettura rivoluzionaria, che, senza aspettare 20 anni per l'idrogeno (che costerà alla
fine quanto la benzina e ce lo venderanno sempre le stesse compagnie) avrebbe risolto
OGGI un sacco di problemi, scompare senza lasciare traccia.
A dire il vero una traccia la lascia, e nemmeno tanto piccola: la traccia è nella testa di tutte
le persone che hanno visto, hanno passato parola,hanno usato Internet per far circolare
informazioni.
Tant'è che anche oggi, se scrivete su Google la parola "Eolo", nella prima pagina dei
risultati trovate diversi riferimenti a questa strana storia.
Come stanno oggi le cose, previsioni ed approfondimenti. Il progettista di questo motore
rivoluzionario ha stranamente la bocca cucita, quando gli si chiede il perché di questi ritardi
continui. I 90 dipendenti assunti in Italia dallo stabilimento produttivo sono
attualmente in cassa integrazione senza aver mai costruito neanche un'auto.
I dirigenti di Eolo Auto Italia rimandano l'inizio della produzione a data da destinarsi, di
anno in anno.
Oggi si parla, forse della prima metà del 2006...
Quali considerazioni si possono fare su questa deprimente vicenda? Certamente viene da
pensare che le gigantesche corporazioni del petrolio non vogliano un mezzo che renda gli
uomini indipendenti.
La benzina oggi, l'idrogeno domani, sono comunque entrambi guinzagli molto ben
progettati.
Una macchina che non abbia quasi bisogno di tagliandi nè di cambi olio,che sia semplice e
fatta per durare e che consumi soltanto energia elettrica, non fa guadagnare abbastanza.
Quindi deve essere eliminata, nascosta insieme a chissà cos'altro in quei cassetti di cui
parlava Beppe Grillo tanti anni fa, nelle scrivanie di qualche ragioniere della Fiat o della
Esso, dove non possa far danno ed intaccare la grossa torta che fa grufolare di gioia le
grandi compagnie del petrolio e le case costruttrici, senza che "l'informazione" ufficiale dica
mai nulla, presa com'è a scodinzolare mentre divora le briciole sotto al tavolo....
invece delle inutili catene di S. Antonio, facciamo girare queste informazioni!!!
LA GENTE DEVE SAPERE!!!!!!!

lunedì, ottobre 23, 2006

SAI XCHé...

Ho un quesito per la redazione si SAI XCHE'.
Quanti chili di muco può arrivare a produrre un essere umano?
no perchè nello scorso week end credo di essere arrivato ad un ettolitro di slime, e ancora adesso pare che il flusso sia inarrestabile....
lo so l'argomento è schifosetto ma sono dubbi che attanagliano la mente umana!

giovedì, ottobre 19, 2006

volver


Eccomi qua.
Alla fine, nonostante la mia assoluta mancanza di voglia sono tornato e il mio ritorno ha sancito la fine della mia breve mancanza madrilena ed ha anche portato ad esaurimento tutte le mie ferie per l'anno 2006, il che vuol dire che fino alla fine dell'anno non mi potrò prendere nemmeno un giorno di riposo extra, il che singifica che durante le feste natalizie sarò in ufficio compreso il 24 dicembre, che il 31 dicembre sarò in ufficio e tutto questo senza nemmeno sapere quale turno mi tocherà fare.... ma col culo che mi ritrovo sarà una bella settimana di turno notturno.
Ma torniamo a Madrid e alla mia vacanza, credo che fare una cronistoria di una settimana di lunghe passeggiate, lautissimi pasti e pochissimo sonno richiederebbe migliaia di righe, e un pò non ho il tempo un pò non ho voglia e soprattutto non credo interesserebbe a nessuno.
Quindi come mia prassi mi limiterò ad evidenziare alcune delle cose che mi hanno colpito nella capitale spagnola.

INNANZITUTTO GRAZIE

Grazie a Wilma (al secolo Gaia) per la sua ospitalità e la sua disponibilità.
Ottimo cicerone e perfetta compagna a tavola (è sempre una soddisfazione quando una ragazza a tavola ha gusto e coraggio).
Per non parlare di tutte le chiacchierate che abbiamo fatto, serissime, serie, semiserie, divertenti e completamente idiote.
Insomma ancora grazie.

LA METROPOITANA DI MADRID
Nonostante la ferita recente di un attentato terroristico sembra che nella metro non sia mai successo niente, tutto è integro ed efficiente.
Non è certo una scoperta il fatto che io non abbia la benchè minima dimestichezza con i mezzi di trasporto pubblici ma ero convinto che la metropolitana di Milano fosse l'esempio di massima efficienza ed ottimizzazione del servizio pubblico... finchè non avevo usato la metropolitana a Madrid.
16 linee che si intersecano tra di loro con la media di una corrispondenza ogni 2 stazioni, con un treno ogni 2 minuti; I treni arrivano dal centro alle periferie estreme con corse fino alle 1.30 del mattina, e con molti passeggeri anche nelle corse notturne.
Probabilmente è anche sovradimensionata per le esigenze della città, visto che i vagoni non sono mai affollatissimi, ma sicuramente è un progetto intelligente pensato alle necessità future di una città in pieno sviluppo sociale.

L'ARTE

Come in tutte le grandi città anche a Madrid l'arte è disseminata ovunue e a più livelli da quella classica alla più alternativa.
L'unica cosa classicamente culturale che abbiamo fatto è stato andare al Prado.
Il Prado è il classico museo vanto della nazione e quindi enorme e pieno zeppo di opere d'arte, talmente grande che ci vorrebbe forse una settimana solo per apporfondire la visita al suo interno.
Noi abbiamo fatto una visita mirata, ovvero abbiamo fatto un giro rapido (si fa per dire) per vedere i quadri di Raffaello, del Parmigianino e sopratutto Goya.
Fino alla scorsa settimana per me Goya era solo la Maya e la Maya desnuda, ma al Prado e sopratutto grazie alle conoscenze della mia amica ho scoperto un periodo del pittore detto degli incubi nei quali ha fatto dei quadri veramente meravigliosi.

LE CHICHE
La media delle ragazze spagnole è notevolmente carina.

IL CIBO

Insomma ci vorrebbe un post solo per parlare della cucina castigliana, anzi probabilmente ci vorrebbe un intero blog, ma per fare un po di riassuntismo (termine inventato in questo istate) tenterò di parlarne per sommi capi.
La madrilena è una cucina un po pesatnte, per rendere l'idea della pesantezza porto l'esempio di un piatto che abbiamo preso in un ristorante un giorno.
Un piatto con un letto di patatine fritte con sopra appoggiate due uova in padella e con attorno le salsiccie fritte.
insomma il fritto la fa da padrona.
La tortilla castellana è molto buona ma è in sostanza la stessa cosa che noi chiamiamo frittata con patate.
Anche i calamari fritti sono tipici e molto buoni, la cosa simpatica è che a Madrid li mangiano in mezzo al pane così come da noi si fanno i panini col salame.
I CHURROS (nela foto) invece meritano un discorso a parte dolci fritti, ma fritti fritti con sopra un mare di zucchero da intingere nella cioccolata calda.... una vera goduria.... e vaffanculo al calcolo delle calorie.

I COCKTAIL

E' vero che non sono stato in tutti i bar di Madrid, ma abbiamo girato parechio e ci siamo fermati in diversi posti, e nessuno, ma proprio nessuno ha idea di cosa sia un cocktail fatto a mestiere.
In un discobar ho chiesto un vodka martini, e la barista dopo aver capito che volevo una vodka e un martini a seguito della mia spiegazione mi ha fatto il cocktail aggiungendo un bel "hesto no es bueno" ma d'altra parte perchè avrebe dovuto conoscere il cocktail che beveva James Bond.
Ma il massimo lo abbiamo raggiunto quando tutti contenti abbiamo trovato un bar che faceva la CaipirosKa, cosa che non hanno nemmeno idea di cosa sia, e quindi ci siamo seduti e abbiamo aspettato ansiosi il cocktail e cosa è arrivato?
bhe lo potete vedere tranquillamente nella foto.
Una cosa orripilante non ricordo di aver mai riso tanto per un cocktail in vita mia.

LA CHICCA

A quanto pare non sono solo i cocktail, ma tutta l'attività da bar a non essere una specialità tipica infatti la vera chicca della mia vacanza madrilena è stata quando in un bar chic del centro ho chiesto un caffè freddo ed ho avuto questo.....
Ok credo di aver detto una quantità di minchiate sufficienti, e poi tra l'altro tra un po devo andare a lavoro.... e ci devo andare per forza visto che non ho più ferie :-(

L'IDIOMA

Aggiunta delle ore 14, dimenticavo di citare la totale refrattarietà degli spagnoli per i termini anglofoni.
Rispetto delle tradizioni?
No!
incapacità a parlare diversamente dallo spagnolo, e quindi i nomi inglesi vengono storpiati e le parle completamente stravolte.
2 esempi:
il computer in spagna diventa ORDENADOR
e le manoglie dell'amore sono i MICELINI.... sapete perchè?
perchè sono rotondità che ricordano l'omino Michelin che in spagna è MICELIN e quindi i micelini.... unici no?
Che ne dite faccio bene a pensare di tornarci?

martedì, ottobre 10, 2006

predicano bene e razzolano tutto!


Stasera andrà in onda la prima puntata della nuova stagione delle Iene, e subito ci sarà il botto.
Classico stile iene, finte interviste ai parlamentari, che pur di andare in televisione si farebbero intervistare anche da cartoon network, solo che stavolta invece di fare domande di storia e di attualità con lo scopo di smascherare l'ingoranza dilagante che gira per le aule parlamentari le bestie selvaticocatodiche sono andate oltre.
Hanno detto agli intervistati che erano troppo pallidi per andare in tv e quindi dovevano essere lievemente truccati per evitare l'effetto lucido, ma invece della classica tamponata di fondotinta gli hanno passato sulla fornte un tampone usato come test antidroga per verificare l'uso di sostanze stupefacenti nelle ultime 36 ore.
Appena saputa questa cosa i politici sono saltati come pungolati elettricamente, come mai?
uno su tre ha fatto uso di droga!
cannabis e cocaina.
Ora visti i decorsi politici degli ultimi anni, mi sebrava palese che in quella sede fossero tutti drogati, anzi mi meraviglio che non siano uscite droghe molto più pesanti, evidentemente non sono riusciti a fare questo tampone a ministri ed ex ministri.
Preferirei tralasciare le reazioni ufficiali dei politici altrimenti bisognerebbe sottolineare la voglia di giustizialismo della Mussolini, o i salti di gioia di Capezzone fino alle vie legali usate da Italo Bocchino che per chi è napoletano come me sa che sia come uomo che come politico è una persona dall'animo misero.
Vorrei invece sottolineare alcuni aspetti che questa "inchiesta" fa notare e che portano a interrogativi che necessitano di una risposta.
Possibile che dei drogati votino a favore di una legge come quella di fini sulle droghe?
L'ipocrisia della società moderna può arrivare a questo punto?

è vero che siamo il paese nella quale c'è santa madre chiesa e quindi tutti peccano in privato e si battono il petto (mea culpa) in pubblico, ma trovo veramente ipocrita dire agli altri quali sono le cose sbagliate senza saper vivere poi senza rispettare nemmeno se stessi.
Chi fornisce i politici?
non credo che i politici possano fare come i tossici più comuni andandosi a comprare la coca agli angoli delle strade, quindi ci deve essere qualcuno che entra impunemente nei palazzi del potere italiano con le tasche piene di polvere per uscire poi con le tasche spolverate e piene di soldi.
Ovviamente la qualità del prodotto sarà proporzionale a quella del servizio e quindi i nostri politici non dovranno nemmeno preoccuparsi della roba che gira a buon mercato tagliata con chissà cosa.
I drogati resteranno impuniti?
Ovviamente si, ma il punto è un altro, l'ultima legge fatta (non a caso è una legge fascista fatta da un fascista) non fa distinzione tra il consumatore e lo spacciatore e quindi se un cannaiolo o un tossico, che magari si fà perchè è semplicemente disperato (per quanto si possa essere disperati con semplicità) se viene beccato dalle forze dell'ordine può essere trattato come il peggior criminale, e sappiamo quanto nelle forze dell'ordine ci siano fanatici pronti ad esagerare, ed essere così marchiati, mentre loro i nostri rappresentati (e bene ricordarlo) possono trastullarsi allegramente senza che nessuno interfersica mai.
Siamo all'assurdo, invece di far partire perquisizioni con i cani antidroga nelle stanze del parlamento, si chiamano gli avvocati per far sospendere la trasmissione, ma allora drogarsi non è una piaga?
Non è una cosa così grave come vogliono farci credere?
O siamo alla solita distinzione tra il povero cristo e l'uomo potente?
Il luogo comune vuole che un politico quando si altera dica sempre "LEI NON SA CHI SONO IO!"
a quanto pare è vero!!
Alla fine voglio solo ribadire il concetto che è il titolo di questo delirante (non per uso di stupefacenti) post
QUESTI PREDICANO BENE E SI RAZZOLANO PROPRIO TUTTO!!!

AGGIORNAMENTO ORE 12.30
il servizio è stato bloccato per vie "superiori".
invece di affrotnare i problemi come lo struzzo si mette la testa sotto la sabbia.

ma che ne parliamo a fare????

lunedì, ottobre 09, 2006

sabato, ottobre 07, 2006

battesimo della moto


Ieri sera ore 21.10 ad un semaforo mentre stavo camminando per i cazzi miei nella corsia centrale un passeggero di un taxi che stava fermo a sinistra, apre improvvisamente lo sportello destro.
Non ho avuto nemmeno il tempo di pensare a dove stavano i freni che mi sono trovato inchaivicato dentro lo sportello.
mi si è rotto il faro, un piccolo spacco nella carena e lo specchietto.
I passeggeri del taxi erano degli extracomunitari, che sono scesi dal taxi e sono scomparsi senza nemmeno vedere se per caso io mi fossi rotto qualche cosa, per fortuna io non mi sono fatto niente.
Quando ci siamo fermati il tassista voleva fare finta di niente dicendo che lui non aveva colpa visto che erano stati i passeggeri..... grazie al cazzo la macchina sua non ha avuto danni!!!!
Appena arrivato a casa ho immediatamente rotto le scatole al mio amico ivan, perito assicurativo, e quindi ora sono nelle sue mani.
non vi potete immaginare i nervi, ho questa moto da un mese e ancora non ho avuto il tempo di andarmi a fare una scampagnata nemmeno fuori città e già abbiamo fatto il primo bozzo.
CHE NERVI!!!!!

venerdì, ottobre 06, 2006

Sara Tommasi

Anche quest'anno la partecipante all'isola dei famosi che è amica di Simona Ventura sarà la testimonial del calendario di max.
Ma non è che Max e l'isola dei famosi stia diventando una vera e propria associazione a delinquere?

mercoledì, ottobre 04, 2006

E' UFFICIALE!!!

E' ufficiale!!!
Stamattina sono stato in agenzia di viaggi e ho comprato il biglietto.
Martedì 11 ottobre alle ore 15.08 parto per

MADRID!!!!!!


si accettano richieste di souvenir

p.s. la foto è del quartiere di moncloa dove io alloggerò.

Addio Pazzaglia

Oggi ci è venuto a mancare il "filosofo" Pazzaglia.
Non c'è bisogno di apparire per essere ricordato, comico sagace e mai banale, grande parlatore, non a caso scelse la radio, e soprattutto grande autore.
Basti ricordare che era uno degli autori di quelli della notte e di canzoni come "Lazzarella" e "Io mammeta e tu".
Da oggi è il caso di dire che ci mancherà un sorriso sincero.

martedì, ottobre 03, 2006

che tempi.... e che mele!!!

Mentre giravo un po su youtube mi sono imbattuto nel video di una canzone che si può tranqillamente definire un mito.
REALITY di Richard Sanderson, ovvero la colonna sonora de "il tempo delle mele".
Ero un bambino quando il film e la canzone impazzavano (sono dell'81 e io sono nato nel 75) ricordo con affetto le feste delle medie che nonostate venissero anni dopo vedevano i primi approcci con l'altro sesso attraverso i classici balli lenti che avevano come immancabile condimento e sottofondo questa canzone rigorosamente su 45 giri.
Lo so che è un immancabile segno di vecchiaia ricordare le cose del passato e dire che quelle attuali sono immancabilmente peggio, ma oggi non riesco a farmi venire alla mente una canzone attuale o comunque recente che possa essere tanto mitica.
Ovviamente non posso non farvi vedere il video....


lunedì, ottobre 02, 2006

Scopa nuova

Il mese prossimo sono 6 anni che lavoro a tempo indeterminato in questa azienda.
Questo mese è cambiata per la quarta volta la proprietà.
Speriamo che questa scopa nuova non sollevi troppa polvere....

Auguri

I miei genitori oggi festeggiano il loro trentaduesimo anniversario.
magari semplicemente si sopportano da tutti questi anni :-)
l'unica cosa certa è che sopportano me da 31, quindi fosse solo per questo si meritano i migliori auguri.